Diagnostica

«Disturbo da gioco d’azzardo» secondo la classificazione DSM-5

Il manuale DSM-5 classifica il «disturbo da gioco d’azzardo» («gambling disorder», n. 312.31) tra i disturbi da dipendenza, e viene collocato in un’apposita sottocategoria chiamata “disturbi non correlati a sostanze” («non-substance-related disorders»).
A. Comportamento problematico persistente o ricorrente legato al gioco d’azzardo che porta a disagio o compromissione clinicamente significativi, come indicato dall’individuo che presenta quattro (o più) delle seguenti condizioni entro un periodo di 12 mesi:

  1. Ha bisogno, per giocare d’azzardo, di quantità crescenti di denaro per ottenere l’eccitazione desiderata;
  2. È irrequieto/a o irritabile se tenta di ridurre o di smettere di giocare d’azzardo;
  3. Ha fatto ripetuti sforzi infruttuosi per controllare, ridurre o interrompere il gioco d’azzardo;
  4. È spesso preoccupato/a dal gioco d’azzardo (per esempio, ha pensieri persistenti di rivivere esperienze passate del gioco d’azzardo, di problematiche o di pianificazioni future, pensando come ottenere danaro con cui giocare);
  5. Spesso gioca quando si sente in difficoltà (per esempio, assenza di speranza, in colpa, ansioso, depresso);
  6. Dopo aver perso soldi al gioco d’azzardo, spesso torna un altro giorno per ritentare ( “rincorrere” le perdite);
  7. Racconta bugie per nascondere il coinvolgimento nel gioco d’azzardo;
  8. Ha messo a repentaglio o ha perso una relazione significativa, il lavoro, lo studio o una opportunità di carriera a causa del gioco d’azzardo;
  9. Conta sugli altri per procurare il denaro necessario a risollevare situazioni finanziarie disperate causate dal gioco d’azzardo.

B. Il comportamento di gioco d’azzardo non è meglio spiegato da un episodio maniacale. Se sono presenti da quattro a cinque criteri, si considera il disturbo lieve, da sei a sette di grado moderato, mentre da otto a nove si tratta di un disturbo grave.
La situazione può essere problematica anche se sono presenti meno di 4 criteri.

«Gioco d’azzardo patologico» secondo la classificazione ICD-10

Il manuale ICD-10 (GM, versione 2016) include il «Gioco d’azzardo patologico» (F63.0) nel capitolo V «Disturbi psichici e comportamentali».

  • Il disturbo «gioco d’azzardo patologico» (F63.0) consiste in episodi frequenti e ripetuti di gioco d’azzardo che dominano la vita del soggetto a scapito dei valori e degli obblighi sociali, lavorativi, materiali e famigliari.
  • Diagnosi differenziale: il «gioco patologico» va distinto dal
    • “gioco d’azzardo eccessivo in pazienti maniacali” (F30.)
    • “gioco d’azzardo e scommesse S.A.I (Z72.8)
    • «gioco d’azzardo in disturbo antisociale di personalità» (F60.2).

Comorbilità

Le persone soggette a disturbi legati al gioco d’azzardo presentano una suicidalità nettamente maggiore e una comorbilità elevata, in relazione a:

  • disturbi legati al consumo di sostanze, in particolare dipendenza da nicotina e alcol,
  • disturbi depressivi,
  • disturbi d’ansia,
  • disturbi della personalità, sovente di tipo antisociale.

 

Impressum