Circolazione stradale

  • Condurre un veicolo sotto l’influsso di sostanze stupefacenti è vietato.
  • Poiché la legislazione sulla circolazione stradale non si interessa allo scopo per il quale è assunta una sostanza (se medico, o meno), nel suo contesto la cannabis è semplicemente considerata come uno stupefacente.
  • La prassi giuridica concernente i cannabinoidi assunti in un quadro medico e a scopo terapeutico, tuttavia, non è ancora definitiva.
  • Un dato certo: durante la prima fase di somministrazione, quando si cerca ancora la dose adatta, la persona non è in grado di condurre un veicolo.
  • Il medico curante consultato da un paziente in vista di assumere farmaci a base di cannabinoidi:
    • può rivolgersi in anticipo ai servizi del medico cantonale, per chiarire questo aspetto della situazione;
    • può emettere un certificato, nel quale dichiara che la posologia prescritta non comporta alcuna limitazione della capacità a condurre un veicolo e che il paziente è stato informato in dettaglio; o
    • consigliare al paziente di sottoporsi a una perizia medico-legale, che stabilisca se la farmacoterapia stabile alla quale egli si sottopone sia compatibile con la guida di un veicolo (costi compresi tra 800.- e 1500.- fr.).
  • I preparati contenenti CBD ottenuti da piante di canapa presentano tracce di THC. In funzione della posologia, ciò può comportare un superamento del valore soglia di questa sostanza nel sangue e nelle urine.

Rimandiamo anche alla scheda Canapa e circolazione stradale.

La piattaforma Infoset (de / fr) propone approfondimenti sulla questione della compatibilità tra consumo di sostanze psicotrope e circolazione stradale. Per informazioni, ci si può rivolgere anche ai servizi cantonali della circolazione.

 

Impressum